Vai al contenuto

Mission journal
to Moldova.

Here you will find information about our work, how we spend the donations money and how we achieve our goals.

Mission data

10783,35

euro raised for refugees

5300km

of driving for the mission

10 hotspots

helped

Local network

to spread our action

Multilingual informations

Il nostro lavoro è iniziato dalla nostra destinazione: la Moldavia. Abbiamo costruito una rete di contatti, di persone e realtà associative e volontarie per aiutare i rifugiati di guerra. Questo percorso a ritroso ci ha condotti qui. Abbiamo raccolto fino ad ora oltre 10.000€ dal sud al nord Italia e ad oggi abbiamo superato il numero di cento donatori. Abbiamo riscontrato un supporto straordinario di cittadine e cittadini nonché realtà associative per la nostra iniziativa.

Il 15 marzo partiremo secondo il nostro  itinerario per la Moldavia. Lì saremo in contatto con chi ci aiuterà a canalizzare le donazioni da noi raccolte nell’acquisto e distribuzione di beni di prima necessità agli ucraini in fuga. Data la complessità della situazione in Moldavia e lo scenario di guerra che può mutare repentinamente, possiamo già da ora stimare la necessità di  mascherine, acqua potabile e impianti per riscaldare un hotspot. 

Da parte nostra la tensione si fa sentire. Non sarà un viaggio semplice, sarà faticoso sul piano emotivo e torneremo persone diverse rispetto a come siamo partite. D’altro canto, è più difficile per noi non fare nulla e, come diceva Mandela, non è possibile cambiare qualcosa e fare la differenza senza cambiare sé stessi.

Our job began from a path that started from Moldova. We’ve built a network of contacts of people and associations of volunteers to help the war refugees. That same path backward led us here. So far we’ve collected more than 9100 euros from north to south and today we’ve exceeded the number of a hundred donors. We’ve witnessed the fantastic support of citizens and associations to sustain our project. 

15th March is the “likeliest” date for our departure to Moldova, considering the complexities of the operations. In Moldova, we will be in touch with several realities that will help us buy and distribute goods using the money derived from the donations. The complex situation of Moldova, together with the different possible scenarios that we must take into account, made us aware that we also might need face masks, drinking water, and heating systems for hotspots. 

On our side, the tension is palpable. It won’t be an easy journey. It will be hard emotionally and will change us every day. However, it is even more difficult for us to stay while doing nothing than acting. As Mandela once stated, you can’t make a difference without changing yourself first.

O nosso trabalho começou num caminho que começou na Moldávia. Construímos uma rede de contatos de pessoas, associações e organizações voluntárias para ajudar os refugiados de guerra. Aquele caminho para trás trouxe-nos aqui. Até agora recolhemos mais de 7600 euros do Sul para o Norte e hoje ultrapassámos o número de cem doadores. Reunimos um apoio extraordinário dos cidadãos e das associações para a nossa iniciativa. Em 15 de março - o “verosimilmente” é condicional dada a complexidade da dinâmica - nós partimos com um itinerário para a Moldávia. Lá estaremos em contacto com as realidades que nos ajudarão a canalizar o dinheiro arrecadado por nós na compra e na distribuição deles. A complexidade da situação na Moldávia, somada a vários cenários de previsão que podemos ter em mente, nos leva a entender que podemos precisar de máscaras, água potável ou sistemas para aquecer um hotspot. De nossa parte a tensão faz-se sentir; não será uma viagem simples, vai ser emocionalmente cansativo e muda-nos todos os dias. Por outro lado, é mais difícil para nós não fazer nada e, como disse Mandela, não é possível mudar algo e fazer a diferença sem mudar a nós mesmos.

Путь нашего дела начался в Молдове.  Мы построили нетворкинг людей и ассоциаций добровольцев, чтобы помочь беженцам.  И та же обратная дорога ведёт нас обратно сюда.  На данный момент мы собрали более 10000 евро с севера до юга Италии, и число доноров превысило сотню. Мы стали свидетелями удивительной поддержки нашего проекта со стороны граждан и ассоциаций. 15 марта — «наиболее вероятная» дата нашего отъезда в Молдову, учитывая сложность операции.  В Молдове мы будем в контакте с несколькими местными, которые помогут нам покупать и распространять товары, используя деньги, полученные от пожертвований.  Сложная ситуация в Молдове вместе с различными возможными вариантами событий, которые мы должны учитывать, заставили нас осознать, что нам также могут понадобиться маски для лица, питьевая вода и системы отопления для некоторых "горячих точек". С нашей стороны ощутимо напряжение.  Это будет непростое путешествие, оно будет тяжелым эмоционально и будет менять нас каждый день. Однако еще труднее оставаться на месте и ничего не делать, и, как однажды сказал Мандела, вы не можете что-то изменить, не изменив сначала себя. Поэтому мы еще раз приглашаем вас сделать пожертвование в пользу ассоциации EVOLVE — теперь ваша очередь усилить наше сообщение и максимально распространить влияние нашего дела.

Notre travail prend le départ sur un chemin qui à commencé en Moldavie. Nous avons construit un réseau de contacts de personnes et de réalités associatives et volontaires pour aider les réfugiés de guerre; ce chemin à rebours nous a conduits ici. Nous avons récolté jusqu’à présent plus de 9100 euros du Sud au Nord et aujourd’hui nous avons dépassé le nombre de cent donateurs. Nous avons aussi recueilli un soutien extraordinaire de citoyennes et de citoyens ainsi que des réalités associatives pour notre initiative. Le 15 mars - le “vraisemblablement” est dû à la complexité des dynamiques - nous partons avec un itinéraire pour la Moldavie. Là nous serons en contact avec des réalités qui nous aideront à canaliser l’argent que nous avons récolté dans l’achat et dans leur distribution. La complexité de la situation en Moldavie, ajoutée à plusieurs scénarios de prévision que nous pouvons garder à l’esprit, nous amène à comprendre que nous pourrions avoir besoin de masques, d’eau potable ou d’installations pour chauffer un hotspot. De notre côté, la tension se fait sentir; ce ne sera pas un voyage facile, ce sera fatigant sur le plan émotionnel et cela nous change tous les jours. D’un autre côté, il est plus difficile pour nous de ne rien faire et, comme le disait Mandela, il n’est pas possible de changer quelque chose et de faire la différence sans se changer soi-même.

Mūsu darbs sākās no ceļa, kas sākās no Moldovas. Mēs esam izveidojuši cilvēku un brīvprātīgo asociāciju kontaktu tīklu, lai palīdzētu kara bēgļiem. Tas pats ceļš atpakaļ mūs noveda šeit. Līdz šim datumam mes esam savākuši vairāk nekā 10000 eiro no ziemeļiem uz dienvidiem un šodien esam pārsnieguši simts ziedotāju robežu. Mēs esam liecinieki apbrīnojamam pilsoņu un asociāciju atbalstam, lai atbalstītu mūsu projektu.
Ņemot vērā operāciju sarežģītību, 15. marts ir “visticamākais” datums mūsu izbraukšanai uz Moldovu. Moldovā mēs sazināsimies ar vairākām brīvpratīgiem (?), kas mums palīdzēs pirkt un izplatīt preces, izmantojot no ziedojumiem iegūto naudu. Sarežģītā situācija Moldovā, kā arī dažādi iespējamie scenāriji, kas mums jāņem vērā, lika mums apzināties, ka mums var būt nepieciešamas arī sejas maskas, dzeramais ūdens un apkures sistēmas karstajiem punktiem.
Mūsu pusē spriedze ir jūtama. Tas nebūs viegls ceļojums, tas būs grūts emocionāli un mainīs mūs katru dienu.

Tomēr ir vēl grūtāk noturēties un neko nedarīt, un, kā reiz teica Mandela, jūs nevarat kaut ko mainīt, vispirms ir jāmainīt sevi.

Diario giornaliero - Daily journal

ITALIANO

DIARIO DI VIAGGIO: #DAY1

Ore 6 del mattino, si parte, più di mille chilometri di asfalto ci aspettano. Una macchina in direzione contraria alla maggioranza dei profughi. Una comitiva risoluta, in marcia per aiutare. La risolutezza, forse, è tale che ci viene offerto il primo pieno. Anche al primo casello non ci fanno pagare, empatizzano, forse, immaginano la guerra. Sono già passate due ore, sono le 8 e stiamo entrando in Slovenia, salutiamo l’Italia. Ore 9:40, prima sosta, abbiamo già macinato più di 420km. Il viaggio continua, la benzina cala, in Ungheria costa 1,28€ al litro. Ore 12:30, sempre in Ungheria, s’intravede, nel retro di un camion, poco sopra la targa “STOP PUTIN, STOP WAR”. Sembra quasi che lo stia dicendo a noi, potrebbe suonare come monito, ci sprona a continuare. Ore 13, finalmente siamo a Budapest. Sono le 17, la radio italiana:” … al ventesimo giorno di guerra i rifugiati hanno superato quota 3 milioni la situazione accoglienza è difficile in Moldavia…”, di nuovo un monito, di nuovo un segno che stiamo facendo qualcosa d’importante. Sono ormai le 18, momento di sosta, incontriamo una carovana di italiani diretta verso il confine ucraino polacco, carichi di beni di prima necessità. Sono le 18:30, abbiamo percorso 1150km, ne mancano 730.

Per aggiornamenti live seguite il nostro canale telegram: https://t.me/eiyt4refugees.

C’è un bel cielo blu, qualche nuvola. Usciamo di casa, inizia la giornata. La prima tappa è necessaria, finalmente compriamo delle SIM locali, siamo di nuovo online. Ci incontriamo con alcuni volontari locali, ci danno subito informazioni su come e verso dove muoverci. Dopo un meeting veloce in cui pianifichiamo la giornata, andiamo in cerca di un van. È deciso, sarà un Dacia Logan rosso fiammante. Nel frattempo sono già le 12, arriviamo alla Metro. Patate, pasta, olio, riso, fagioli, pollo…. patate, cipolle, polenta, uova, biscotti, cioccolata e…papate. Il più grande merito della “scoperta” dell’America è l’importazione della patata. In questo caos alimentare una signora italo-moldava si ferma, ci ascolta. Le spieghiamo perché siamo qui. Ci stringe in un abbraccio, ci ringrazia.
In totale abbiamo caricato 4 carrelli, centinaia di chili di cibo, 400€ di spesa. L’aiuto dei volontari locali è prezioso. Giulio non ha saputo resistere al fascino misterioso del Kvass, “la coca cola sovietica”, scura, frizzante e leggermente alcolica, è amore al primo sorso.
Una strada sterrata, ci porta a Cărpineni, dove troviamo il primo campo di accoglienza, sono le 16:30. Qui il campo profughi, che accoglie 70 ospiti, in origine era una colonia. Un luogo di vacanze, di sorrisi che oggi è luogo di sofferenza. Qualche sorriso riusciamo a strapparlo comunque con i nostri aiuti.
Stiamo tornando alla Metro, sono le 18 passate, davanti a noi una Seat targata Repubblica Moldava di Pridniestrov, Transinistria. Una curiosa regione autoproclamatasi indipendente, non riconosciuta dallo stato Moldavo, confinante con l’Ucraina. Un luogo dove il tempo si è fermato a prima della caduta del muro. Uno “stato” talmente filo-russo, da avere soldati russi ai propri “confini”. La Transistria preoccupa. Preoccupa in particolare i moldavi, ricorda fin troppo il Donbass ucraino.
Questi pensieri pesanti affondano mentre riflettiamo su cos’altro comprare, perché oramai siamo arrivati alla Metro e dobbiamo fare la seconda spesa. La lista si arricchisce di barbabietole, così amate da Ruslans, che prima di metterle nel carrello le culla.
Ore 19, altri 300€ di beni alimentari, altri chili di cibo pronto per essere donato, di nuovo siamo pronti.

Chisinau, 7:30, -6 gradi, il cielo si colora di freddo. Oggi, di comune accordo, ci muoveremo verso nord, la direzione è Balti. L’ingombrante presenza della Transnistria, fa sì che, geograficamente, gli arrivi dei profughi Ucraini si concentrino nel nord e nel sud, per questo motivo ci dirigeremo da sud, Chisinau, a 90km più a nord, Balti. Sono le 10, il lato opposto della strada è delimitato da un generoso strato di neve. Le 11 ora, siamo a Balti. I nostri contatti ci consigliano di chiedere informazioni nei pressi dell’università, così facciamo. Il campus è un luogo distinto, non dissimile da molti dei campus nordeuropei. Ci informano che non lontano c’è un centro di accoglienza, un ex studentato di quattro piani, riconvertito. Ci presentiamo con la parte rimanente dell’ultima spesa fatta. Il posto è ben attrezzato, conta 50 ospiti, di cui parecchi bambini. Dall’inizio del conflitto ci informano che da qui sono passate 500 persone. Se consideriamo che è uno solo dei tanti centri di una delle città di uno degli stati che sta accogliendo i profughi ucraini, questo numero fa riflettere. Quando si parla di milioni è come se, usando la parola, milioni, anestetizzassimo il significato. Non li contiamo più, non lì quantifichiamo, perché lo fa la parola per noi. Poi capita, come ora, che ci s’imbatta in una stanza, ampia, e si scopra che è stata più volte riempita e abbandonata da molteplici persone diverse. Improvvisamente si ha un parametro, una stanza, una cucina, un cortile, ce lo si immagina pieno poi vuoto poi pieno, due milioni di persone. Mentre capiamo cosa è meglio acquistare per questo centro, una bambina ucraina viene stregata dai colori sgargianti delle caramelle, Ruslans non si fa attendere e gliene porge subito un’ampia scelta. La gestione dei centri oramai ci è un po’ più chiara, quasi sempre non cucinano in loco, i pasti vengono portati da cucine esterne, perciò compreremo beni per l’igiene, alimenti da prima colazione e in questo caso qualcosa per intrattenere i bambini. Ore 13:28, Metro di Balti, per noi oramai luogo di riferimento. Dopo una lunga spesa, ci concediamo uno spuntino sull’elegante cofano rosso. Ci dirigiamo all’ex studentato. Dopo aver consegnato una parte della spesa ci fermiamo a parlare con una logopedista volontaria che segue i bambini del centro. Ci racconta il tragitto della disperazione. Le famiglie partono spesso unite, gli uomini con donne e bambini, sul confine si separano, gli uomini verso la guerra, le donne e i bambini verso l’ignoto. La seconda parte della spesa la portiamo in un secondo centro, un ex centro di formazione per infermieri, dove alloggiano 70 persone. Qui incontriamo una delle volontarie di un’associazione esterna che rifornisce i centri di pasti. In breve scopriamo che l’associazione, in parte finanziata dall’Europa, qui a Balti rifornisce molti centri, quindi necessita di parecchio cibo. Detto, fatto. Una volta capito di cosa hanno bisogno andiamo spediti verso il nostro faro giallo e blu. Tentiamo, invano, di svuotare la Metro, in compenso facciamo la spesa più grande finora. Questa associazione si aggiunge all’importante elenco di enti a cui donare. La giornata è finita, stiamo tornando verso Chişinău, c’è una piacevole luce crepuscolare, riposiamo un po’ gli occhi stanchi, cullati dall’odore del cibo pronto che si diffonde nell’abitacolo.

Chisinau, 7:30, -6 gradi, il cielo si colora di freddo. Oggi, di comune accordo, ci muoveremo verso nord, la direzione è Balti. L’ingombrante presenza della Transnistria, fa sì che, geograficamente, gli arrivi dei profughi Ucraini si concentrino nel nord e nel sud, per questo motivo ci dirigeremo da sud, Chisinau, a 90km più a nord, Balti. Ore 11, siamo a Balti. Ci consigliano di chiedere informazioni nei pressi dell’università. Ci informano che non lontano c’è un centro di accoglienza, un ex studentato riconvertito. Ci presentiamo con la parte rimanente dell’ultima spesa fatta. Il posto è ben attrezzato, conta 50 ospiti, di cui parecchi bambini. Dall’inizio del conflitto ci informano che da qui sono passate 500 persone. Mentre capiamo cosa è meglio acquistare per questo centro, Ruslans porge a una bambina ucraina un’ampia scelta di caramelle. La gestione dei centri oramai ci è più chiara, quasi non si cucina, i pasti vengono portati da cucine esterne, perciò compreremo beni per l’igiene, alimenti da prima colazione e qualcosa per intrattenere i bambini. Ore 13:28, Metro di Balti, per noi oramai luogo di riferimento. Dopo una lunga spesa, ci concediamo uno spuntino sul cofano rosso. Dopo aver consegnato una parte della spesa ci fermiamo a parlare con una logopedista volontaria. Ci racconta il tragitto della disperazione. La seconda parte della spesa la portiamo in un secondo centro, un ex centro di formazione per infermieri, che 70 rifugiati. Qui incontriamo una delle volontarie di un’associazione esterna che rifornisce i centri di pasti. Detto, fatto. Una volta capito di cosa hanno bisogno andiamo spediti verso il nostro faro giallo e blu. Tentiamo, invano, di svuotare la Metro, in compenso facciamo la spesa più grande finora.

Alle ore 10:52 i nostri volontari sono già in viaggio per portare la spesa fatta nei centri accoglienza di Chisinau In particolare i volontari hanno rifornito la dispensa di un ristorante gestito da una coppia di poliziotti in pensione che offre pasti ai centri di accoglienza e li hanno distribuiti personalmente. In uno dei tanti centri di Chisinau i volontari hanno dialogato con una ragazza di Odessa che, parlando in inglese, ha spiegato quali fossero le necessità dei rifugiati. L’ultima spesa della giornata, di importo pari a €1001,00, dovrà essere divisa fra tre centri. Nell’ultimo centro di accoglienza visitato dai volontari una ragazza ha festeggiato il compleanno e i ragazzi hanno partecipato mangiando una fetta di torta e facendo qualche chiacchiera.

Durante la mattinata i volontari hanno fatto acquisti di vario tipo, da generi alimentari a giochi per bambini, destinati a rifornire un campo a Criuleno, che ospita 132 rifugiati, tra cui donne, bambini e uomini non arruolabili. I volontari hanno anche acquistato due scatole, targate EVOLVE, di medicinali per due centri di Chisinau gestiti da una chiesa evangelista carismatica, di cui hanno seguito una funzione. Il pastore gestisce personalmente il centro, occupandosi, tra le altre cose, di preparare e confezionare pasti per portarli oltre il confine. Domani i volontari si impegneranno a trasportare alcuni dei carichi all’hotspot di Palanca, da cui saranno trasferiti oltre il confine.

Stamattina i nostri volontari sono partiti per raggiungere l’hotspot di Palanca, dove hanno portato dei rifornimenti destinati ad attraversare il confine. Arrivati alla dogana con il confine ucraino, hanno constatato che il campo lì situato, primo gate di arrivo per i rifugiati, nonché punto di partenza per raggiungere altre città moldave e rumene, è organizzato in maniera molto spartana e necessita di un cospicuo rifornimento di beni di ogni genere. Per questo motivo i volontari si sono recati a Stefan Voda, dove hanno speso più di €1000 in beni di prima necessità, che hanno poi riportato al campo. Vi ricordo sempre che per monitorare il viaggio in tempo reale i nostri volontari aggiorneranno costantemente la loro posizione su questo canale.

Stamattina ultima tappa in assoluto della missione per il nostro team, con una spesa di importo pari a €1162, tra alimenti e prodotti per l’igiene personale, che sono stati destinati a un centro che ospita 130 rifugiati, tra cui 64 bambini. Alle ore 17:48 la prima missione umanitaria di Evolve si conclude ufficialmente con la partenza per l’Italia dei nostri volontari che, con i soldi ricavati dalle donazioni, hanno comprato un’enorme varietà di beni di prima necessità per rifornire dieci centri di accoglienza, di cui due cucine volontarie dedite alla preparazione di pasti a più di 500 rifugiati. Li aspettano circa 30 ore di viaggio, al termine del quale potrà dirsi conclusa anche un’esperienza unica, resa possibile grazie al contributo di tutti coloro che ci hanno supportato, e tramite cui anche stavolta, nel nostro piccolo, noi di EVOLVE abbiamo preso parte al cambiamento che vorremmo vedere nel mondo.

La nostra missione continua con una raccolta di beni di prima necessità da destinare ad uno o più centri di quelli con cui siamo entrati in contatto nel viaggio. Inoltre, intendiamo versare in donazione una somma al centro di Durlesti poiché ha raccolta in maniera particolarmente forte la nostra fiducia. Il carico partirà il 30 maggio 2022.

0
spesi per la missione | spent for the mission

Mission active supporters

Photo gallery